Code by Marok
PercFest Memorial Naco
I nostri sponsor!
In memoria di Giuseppe Naco Bonaccorso

Matite e tamburi

Giorgio Cavazzano, uno dei più grandi disegnatori a livello internazionale, ci racconta la sua passione per la batteria

Giorgio Cavazzano è un grande artista veneziano. Dal 1961 è uno dei più importanti disegnatori di Topolino & co (nonché nome di spicco nel panorama del fumetto internazionale, autore di capolavori come Capitan Rogers e Altai & Johnson).

Giorgio Cavazzano
Giorgio Cavazzano con Topolino e Minnie "old style" disegnati da lui

Ma tra avventure fumettose di Topolini e Paperini nasconde anche lui, come molti, un torbido passato da batterista. Voci di corridoio affermano che questa passione sia nata negli anni sessanta, quando il Nostro addirittura aveva un gruppo tutto suo. Messo alle strette, il Maestro non ha potuto che confessare: "È vero! L'amore per la batteria è nato principalmente ascoltando i complessi rock inglesi degli anni sessanta, registati di notte a radio Luxemburg. Ma più che altro mi piaceva il blues, BBKing, Muddy Waters... e poi l'incontro con gli Shadows. Ero innamorato del modo di suonare di Tony Meehan. Aveva una gran pulizia di battuta...". Reo confesso, dunque. E la band? Perché c'è stata una band... "Sì. Leggendo riviste e pubblicazioni varie con i miei amici ho "scoperto" i dischi di Gene Krupa, così abbiamo deciso di creare questo gruppo rock che andasse un po' controcorrente rispetto a quelli che riproponaveno i Beatles. Noi volevamo essere molto più carichi. Eravamo in 5, come i Rolling Stones". Fonti non ufficiali, però, riferiscono che questa band aveva una caratteristica molto particolare. Quale? Il Maestro tergiversa e finge di non aver sentito. Poi ammette: "Be'... durante lo spettacolo io e il bassista ci strappavamo la camicia (scucita apposta per l'occasione), gettavamo via le maniche, c'erano brandelli di tessuto che volavano dappertutto sul palco!!! Ci chiamavamo I Randagi!" È forse un riferimento al film Disney "Lilly e il Vagabondo"?

Cavazzano batterista
Giorgio Cavazzano in versione batterista

Uhmmm... ma come mai un disegnatore dovrebbe suonare la batteria? Che c'è in comune tra queste due forme espressive? Il Maestro se la ride: "Le nottate in bianco! Suonavo di notte, ma anche disegnavo di notte. Disegnavo tutto il pomeriggio e verso sera cominciavo a inchiostrare - all'epoca inchiostravo i disegni di Romano Scarpa (grande disegnatore veneziano. NDR). Bevevo un sacco di caffè ed ero molto nervoso. Ma Scarpa non ha mai scoperto questa mia doppia vita! Però devo ammettere che questo non ha mai intaccato il mio modo di suonare: non ho mai perso un colpo tra charleston e rullante!" Ah, ah! Dicono tutti così!

Pippo
Pippo, il personaggio Disney che Cavazzano vedrebbe più facilmente alla batteria

Ma a conti fatti, tra tutti i personaggi Disney disegnati, quale ci starebbe meglio alla batteria (disegnatori a parte, ovviamente)? "Senza dubbio Pippo. è il più simpatico e originale!" Il Maestro ha confessato: ora possiamo liberarlo. Ma prima un'ultima domanda: verrebbe a trovarci al Percfest? "Magari! Ma non come batterista: sono troppo arrugginito!" Vedremo, vedremo!

Ilaria Isaia




Paperi e percussioni

La notte dei tamburi
Ecco la Notte dei Tamburi



Christian Papero
... ed ecco il Christian Meyer formato papero, con tanto di ammiratrici


Il diario di Paperina Scrivi a Ilaria Isaia


Stefano Bagnoli
Ellade Bandini (solo foto)
Terry Bozzio (solo foto)
Omaggio a Giulio Capiozzo
Giorgio Cavazzano
Omaggio a Stefano Cerri
Daniele Di Gregorio
Disma 2001
Elio e Le storie tese, Pier Foschi, Ettore Fioravanti
Giovanni Giorgi
Akira Jimbo
Christian Meyer
Davide Ragazzoni (solo foto)
Alessio Riccio
La notte delle batterie 2001
La notte delle batterie 2002
Arto Tunçboyaciyan


Drumsportal


LA CURIOSITÀ
Percfest è finito sui Magazine della Disney

Percfest su Topolino L'impossibile è avvenuto: PercFest - Memorial Naco è finito nelle riviste di Disney. Certo, Laigueglia è diventata Laguna Bay, e Christian Meyer si è trasformato in un papero percussionista. Però Brigitta l'abbiamo vista tutti mentre sbavava dietro al batterista degli Elii. E c'era anche lei a Percfest, Ilaria Isaia, sceneggiatrice di Topolino e autrice de:

Il diario di Paperina